Inchiostro elettronico

e_parer1.jpg

Vorrei presentare a chi già non lo conoscesse l’inchiostro elettronico (e-ink).

Qui potete trovare una spiegazione di come funziona questa tecnologia.
In pratica potete avere un display (per ora in bianco/nero, ma in
futuro probabilmente anche a colori) piatto, flessibile, dalla visualizzazione nitida e ben visibile, senza retroilluminazione, anche in luoghi molto luminosi.
Questo tipo di display è inoltre abbastanza economico tanto che Siemens ipotizza che in futuro costeranno pochissimo, al punto da poter essere utilizzati su prodotti di consumo come le scatole dei cereali.
La risoluzione di questi schermi dagli 80 dpi programmati nel 2007 arriveranno ben presto ai 160 dpi nei due anni successivi per permettere un’immagine sempre più nitida.

funzionamento e-ink

orologio seiko e-ink In pratica non si tratta di una superficie che emette luce colorata (come gli LCD, o i CRT) ma che cambia colore attraverso un pigmento.

Qui potete trovare una galleria di applicazioni. Per averne un esempio reale sotto gli occhi andate un un grande magazzino o in un negozio di telefonia e guardate lo schermo di un
motorola MotoFone F3.

fonti: punto-informatico, e-ink